Nel centro di ogni cosa

0 out of 5

19,00

Hugo von Hofmannsthal

Traduzione e cura di:  Andrea Landolfi

Anno di pubblicazione: 2021

ISBN: 9788861102170

Pagine: 300

 

Descrizione

Celebrata al suo apparire, nella Vienna dell’inizio degli anni Novanta dell’Ottocento, come una vera e propria epifania, la lirica del giovanissimo Hugo von Hofmannsthal appare come uno di quei rari fenomeni in cui si concentra, al massimo grado di limpidezza ed efficacia, la cifra di un’intera epoca e di un intero mondo.

  A cinquant’anni dall’ultima raccolta di poesie pubblicata in Italia (la piccola silloge einaudiana curata da Elena Croce nel 1971), questa edizione propone per la prima volta una scelta molto ampia della lirica di Hofmannsthal in consapevole e forse polemica controtendenza rispetto a una pratica  che tende sempre di più alla ricerca e alla diffusione più o meno “sensazionalistica“ dell’inedito, il curatore ha infatti intrapreso il cammino opposto. In questo caso invece il curatore ha scelto di orientare la propria scelta sui soli componimenti che videro la luce su decisione e impulso dello stesso Hofmannsthal.

Il volume si compone di tre sezioni: nella prima trovano accoglienza tutte le poesie che l’autore stesso selezionò e pubblicò nell’ultima edizione (1924) delle proprie opere da lui curata, nella seconda figurano una ventina di liriche scelte dal curatore tra quante furono comunque “pubblicate in vita su riviste e periodici“; la terza sezione, infine, ospita il Prologo alla Antigone di Sofocle (1900), un testo che, quasi sconosciuto in Italia, oltre che per l’intrinseco valore poetico si segnala come un vero e proprio manifesto di poetica, in nulla inferiore alla tanto più nota e celebrata Lettera di Lord Chandos. Un volume prezioso tanto per gli appassionati di poesia quanto per coloro che alla lirica si avvicina con uno sguardo curioso e pronti a lasciarsi stupire da questo classico senza tempo.

«Nella letteratura mondiale non conosco, all’infuori di Keats e di Rimbaud, alcun esempio di pari impeccabilità nel dominio della lingua, né altra simile vastità di slancio ideale, né tale compenetrazione della sostanza poetica sin nell’ultima riga come in questo genio grandioso, il quale già a sedici e diciassette anni si è iscritto negli eterni annali della lingua tedesca con versi incancellabili e con una prosa tuttora insuperata.»

Stefan Zweig

Hugo Von Hofmannsthal

Hugo Von Hofmannsthal

Poeta, saggista, drammaturgo, è stato uno dei maggiori scrittori in lingua tedesca negli anni a cavallo tra Ottocento e Novecento....

Andrea Landolfi

Andrea Landolfi

Nato a Roma nel 1957, insegna Letteratura tedesca e Traduzione letteraria all’Università di Siena, dove dirige anche il Master in...

Hanno scritto

Ti potrebbe interessare…