Questa notte

0 out of 5

15,00

Joachim Schnerf

Traduzione: Silvia Scialanca

Anno di pubblicazione: 2022

ISBN: 9788861101852

Pagine: 124

 

Descrizione

Nel giorno di Pesach, la Pasqua ebraica, Salomon si sveglia solo nel suo letto. Non è la prima volta, sua moglie Sarah è morta ormai da qualche tempo, ma la luce del del nuovo giorno porta con sé altre sensazioni: perché questa notte è diversa da tutte le altre? I gesti consueti si ammantano naturalmente di un’aura di eccezionalità e Salomon non può che osservare la sua famiglia muoversi come su di un palcoscenico in cui si alternano rappresentazioni sacre e intermezzi farseschi. Per Salomon il lutto non è un’esperienza nuova, ha perso la sua famiglia nel campo di concentramento in cui lui stesso è stato rinchiuso. Non sorprende quindi che il suo primo pensiero nel sentire il silenzio della casa deserta sia: “Sono tornate le SS e hanno portato via tutti.” Ma nella Pasqua si intrecciano piani diversi: il sacro e il profano, l’universale e il particolare, l’eterno e l’effimero, l’individuo e la collettività. La lettura di Questa notte dà vita al medesimo intreccio: Joachim Schnerf  ci pone davanti a una narrazione in cui l’universale appare in trasparenza, come il passato di Salomon che viene raccontato solo attraverso battute di spirito capaci di mettere in imbarazzo il suo intero uditorio. Le emozioni più intime emergono piano piano attraverso ogni parola, ogni domanda rituale e soprattutto attraverso ogni ricordo che affiora. Ironico, delicato e istruttivo Schnerf costruisce un romanzo che riesce con leggerezza ad affrontare temi come il rapporto con il proprio passato, il senso di appartenenza, l’abbandono e la morte.

«Una commedia nera spaventosamente divertente e profondamente delicata […] che rovista nell’animo umano prendendo spunto da Roth per il disagio identitario e da Richler per lo sguardo ironico e i tratti caricaturali, un libro assolutamente elegante».

 

 

Olivier Mony, «Livres Hebdo»

«Joachim Schnerf, con tatto infinito, riesce a mescolare la grande storia con la quotidianità. I riti millenari, i drammi del XX secolo, risuonano nell’esistenza del suo protagonista. Questa notte trasuda una sana irriverenza».

Virginie Bloch-Lainé, “Libération”

Joachim Schnerf

Joachim Schnerf

Joachim Schnerf nasce a Strasburgo nel 1987. Dopo aver studiato Letteratura e editoria a Parigi e a New York, inizia...

Silvia Scialanca

Silvia Scialanca

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all’Università della Tuscia (VT) con una tesi in letteratura tedesca su Peter Weiss (“Con...

Hanno scritto

Il Foglio

Blumenberg

Dedicato al filosofo Hans Blumenberg e ispirato in particolare a due sue opere. “La leggibilità del mondo” e “Leoni”, questo romanzo (tradotto da Paola del Zoppo) brilla per la lingua. taglìente e sperimentale, come pure per la felice combinazione dì narrazione e riflessione filosofica.

Il Mattino

Se un leone irrompe nell’ esistenza del professore

Ci sono romanzi che si presentano nudi, veri, diretti, senza
abbigliamenti, come quelle persone che aprono la porta senza paura
di avere i capelli o i vestiti fuori posto perché possono fame tranquillamente a meno. Questo è il caso di Blumenberg (Del Vecchio, pagg. 230, euro 15) della scrittrice tedesca Sybille Lewitscharoff.

L’indice dei libri del mese

Blumenberg

Già insignita di ragguardevoli premi letterari, Sibylle Lewitscharoff
ha ottenuto nel 2013 il prestigioso Premio Bu?chner. L’autrice si segnala per la baldanza di un ductus narrativo che, pur schiettamente propenso al fantasioso, al paradossale e all’inverosimile, non intacca il reale, restituendone al lettore un’immagine potenziata dal filtro dell’immaginazione.

TTL – La Stampa

Blumenberg

Il filosofo Hans Blumenberg – un mito all’Università di Muenster, per eloqui e pensiero -e quattro allievi accoliti (immaginari). Più un leone, che solo lui vede, e gli regala nuova energia e lucidità.

Ti potrebbe interessare…