Tempus Fugit

0 out of 5

17,00

Antanas Sileika

Traduzione di: Nicoletta Barbarito, Gabriella Catalini, Laura Failli, Arianna Giorgi, Moira Mini

Anno di pubblicazione: 2022

ISBN: 9788861101975

Pagine: 345

 

 

Descrizione

Primi anni ’50. Nord America. Nei nuovissimi sobborghi residenziali un nuovo stile di vita sta prendendo piede e promette di trasformare la società e il suo immaginario. Quartieri nuovi di zecca con case perfettamente allineate, giardini curati, auto scintillanti parcheggiate nei vialetti e donne impeccabili che si destreggiano sorridenti tra la cura della casa e i rapporti sociali.

Appare una crepa in questa realtà patinata: una famiglia proveniente dall’est Europa, inseguendo un sogno di pace e rispettabilità, cerca di trovare il proprio spazio in un ambiente che, impermeabile al mutamento, li rigetta Gli undici racconti, ciascuno perfettamente compiuto in sé ma connesso con gli altri, ci accompagnano attraverso 30 anni di vita di questa famiglia e dei personaggi che la compongono. Aneddoti e situazioni tragicomiche, raccontate con una generosa dose di ironia, offrono al lettore il ritratto accurato di un’epoca attraverso uno sguardo che decostruisce le strutture a volte grottesche della società, ma che tradisce, in modo squisitamente umano, il desiderio di appartenere
Ci troviamo davanti a un testo che funziona a diversi livelli: è una storia familiare i cui componenti devono far fronte a fedeltà e tradimenti reciproci, con le difficoltà del crescere e dell’invecchiare, e al senso di displacement proprio di chi è costretto a vivere una situazione di
marginalità. Grazie allo stile pulito e ingegnoso il libro riesce ad essere alo stesso tempo aspro e commovente, la tragedia e le piccole e grandi occasioni di disagio rimangono intrecciate, dando vita a un dipinto vivido, divertente e disarmante

«Queste storie sono divertenti, sottili, attente e decisamente ben scritte. Leggerle è facile come respirare.»

Bruce Taylor, «Montreal Gazette»

«Sileika costruisce le sue storie con un tocco abile che permette ai temi della raccolta di emergere naturalmente dagli eventi e dai personaggi, piuttosto che sembrare artificialmente imposti. Evoca abilmente il tempo e il luogo delle storie, e crea un cast credibile di personaggi alle prese con la vita in un nuovo paese».

Ian Malcolm, «Quill and Quire»

Antanas Sileika

Antanas Sileika

Antanas Sileika è scrittore e critico canadese Dopo aver conseguito la laurea in Letteratura Inglese presso l’Università di Toronto, si...

Anita Vuco

Anita Vuco

Anita Vuco, nata e cresciuta a Spalato in una famiglia mista, dal 1990 vive in Italia, dove si è laureata...

Hanno scritto

Il Venerdì- La Repubblica

Avventura in Marocco

Torna in Libreria Fouad Laroui con il suo ultimo mirabolante romanzo.

Internazionale

Radici nel Maghreb

“Che cosa ci faccio qui?” si chiede all’improvviso, preso dal panico alla vista dei suoi compagni di viaggio: uomini d’affari “chini su riviste, schermi, rapporti, che indossano lo stesso abito scuro, la stessa camicia bianca, la stessa cravatta.” Quindi la seconda domanda ugualmente angosciante: “E’ questo, ciò che sono?”.

Il Tirreno

Musulmani tra futuro e stereotipi nel nuovo romanzo di Laroui

Un viaggio nelle contraddizioni occidentali seguendo lo sguardo e le vicissitudini di uomo smarrito: Adam Sijilmassi.

Corriere Fiorentino

Laroui e il romanzo alla ricerca delle radici

Lo scrittore ospite al Pisa book Festival con il libro Le Tribolazioni dell’ultimo Sijilmassi

MenteLocale Torino

Fouad Laroui presenta Le Tribolazioni dell’ultimo Sijilmassi

Sarà un matto? O un perturbatore? Un profeta? Bisognerà abbatterlo o venerarlo? Fouad Laroui ci accompagna al seguito del suo eroe in un’avventura scarmigliata e picaresca che si staglia sullo sfondo di uno dei grandi interrogativi del nostro tempo: chi saprà distruggere il muro che le forze oscure dell’ignoranza e del terrore stanno erigendo tra Oriente e Occidente?

Arte e Arti

Le Tribolazioni dell’ultimo Sijilmassi

Qualunque sia il suo destino noi, già dalle prime pagine, sappiamo bene che in questa storia surreale noi parteggiamo in ogni caso per Adam e per la sua decisione che lo porta, come una specie di Bartleby, ad un certo punto della sua vita, a pensare “preferirei di no”.

SenzAudio

Fouad Laroui Le Tribolazioni dell’ultimo Sijilmassi

C’è tanta ironia in questo libro, il lavoro di Laroui è davvero spettacolare. Le pagine scorrono una dietro l’altra e non si può fare a meno di restare basiti dalla cultura sconfinata posseduta da questo autore.

Editoriaraba

Il Marocco e Francia alla prova in “Le tribolazioni dell’ultimo Sijilmassi”

Fouad Laroui è dotato di un’ironia brillante, scrive bene e ha un modo tenero e delicato di raccontare le storie dei suoi personaggi, che si muovono quasi sempre tra Europa e Marocco, alla ricerca di un delicato equilibrio tra i due mondi.

AnsaMed

Libri: Laroui, un romanzo alla ricerca delle radici

L’eterno duello tra le radici e il progresso, tra la tradizione e il cambiamento e, in ultima analisi, tra Oriente (includendo anche il Nordafrica) e l’Occidente

TuttoLibri – La Stampa

Di ritorno dall’Asia in business class Adam sogna solo la biblioteca del nonno

Laroui si diverte a sviscerare con umorismo e più di un pizzico di sarcasmo questioni che riguardano l’identità di un popolo, mettendo al centro della scena un protagonista che incarna la classe agiata ed europeizzata del Marocco di oggi e costringendolo a confrontarsi con la ricerca delle sue radici nel contesto di un mondo impregnato di superficialità e ipocrisia.

Ti potrebbe interessare…